Daniele Benati, Enrico Prandi and Fabio Di Bari